About – Liv.In.G. Live Internationalization Gateway

LIVE INTERNATIONALIZATION GATEWAY

Liv.in.g. – Live internationalization gateway è un’impresa sociale fondata nel 2018 per supportare le imprese culturali e di spettacolo dal vivo nel loro percorso di internazionalizzazione.
Liv.in.g. vuole accompagnare le organizzazioni con una strategia mirata in modalità learning by doing, favorire lincontro fra professionisti già attivi sul mercato internazionale e imprese di spettacolo, costruire relazioni fra Italia ed estero, stimolare unadeguata politica culturale delle istituzioni locali e nazionali.

Liv.in.g. – Live internationalization gateway is a social enterprise born in 2018 with the aim of promoting and supporting the internationalization of the performing art sector.
Liv.in.g will support organizations according to their objectives and poetics with a learning by doing strategy, connect them with professionals already active internationally, set a national reference structure to build a stable connection between Italian and international market, promote discussion and influence cultural policies.

STRATEGIA 60%
ASCOLTO 90%
RICERCA 34%

METODOLOGIA METHOD

Liv.in.g srl impresa sociale viene fondata nel 2018 per fornire competenze, capacità relazionali e di networking sia per il pubblico che per il privato, attraverso percorsi di tutoraggio e mentoring di medio termine e un approccio learning by doing .

Liv.in.g. si propone inoltre come uno strumento trasversale di policy con un approccio bottom-up rivolto agli operatori dello spettacolo dal vivo, in dialogo costante con istituzioni e stakeholder nazionali e internazionali.

L’idea di un “desk di accompagnamento” nasce nel 2016 all’interno del tavolo internazionale di C.Re.S.Co. per poi trasformarsi in uno studio di fattibilità nel 2017 grazie al contributo di Fondazione Cariplo e al sostegno di partner pubblici e privati (Regioni Lombardia, Marche e Sicilia; SMartIT, Marche Teatro, Retablo e Zo Culture).

Lo studio ha coinvolto oltre 150 organizzazioni e istituzioni culturali italiane e internazionali, evidenziando punti di forza e criticità del settore nei confronti dell’internazionalizzazione: i dati raccolti sono alla base della metodologia sviluppata oggi da Liv.in.g.

Liv.in.g. è una struttura dinamica, leggera e sostenibile in grado di:
❖ creare un sistema virtuoso di collaborazione e crescita per un settore frammentato e non organicamente organizzato;

❖ conciliare una visione nazionale del sistema con le differenze e specificità dei singoli territori;

❖ fornire un punto di incontro tra professionisti esperti e già attivi in ambito internazionale e le organizzazioni e istituzioni di spettacolo di diversa dimensione;

❖ rendere le organizzazioni indipendenti e capaci di proseguire autonomamente il proprio percorso verso l’internazionalizzazione, nel rispetto dei propri obiettivi e necessità;

❖ sviluppare una propria attività di networking internazionale;

❖ utilizzare i dati raccolti per proporre adeguate politiche culturali sul tema.

Liv.in.g. was found as social enterprise in 2018 to provide expertise and networking for both the private and public organizations using a tailored strategy and a learning by doing methodology.

Liv.in.g. also acts as a policy stimulator following a bottom-up approach that actively involves all the performing arts sector and maintains a constant relationship with international stakeholders.

The idea of a “desk for the internationalization” was born in 2016 inside the international working table of C.Re.S.Co association (an advocacy association focused on the contemporary performing art scene), then became a feasibility study in 2017 thanks to Cariplo Bank Foundation and other public and private partners (Lombardy, Marche and Sicily Regions; SMartIT, Marche Teatro, Retablo and Zo Culture).

The feasibility involved more than 150 Italian and international organizations of the performing arts field and highlighted strengths and weaknesses of the sector in term of internationalization: the collected data are at the core of our methodology.

Liv.in.g is a dynamic, innovative and sustainable organization that aims to:

promoting best practices of collaboration and development for a fragile and often not interconnected sector;

combining a national view of the performing art system with the local differences expressed by the artists and professionals;

providing a connection between those local professionals, who are already active at international level and often forced to work outside Italy, and the Italian performing arts organizations of each dimension that would like to start an international path;

❖ promoting the long term autonomy of the tutored organizations thanks to the enhancement of their own knowledge and skills, respecting their needs and objectives;

❖ developing networking activities;

❖ elaborating studies and reports to influence cultural policies.

TEAM TEAM

Liv.in.g. nasce dall’incontro delle quattro progettiste Cristina Carlini, Cristina Cazzola, Giuliana Ciancio, Carlotta Garlanda e dell’economista Giulio Stumpo, che con diverse specializzazioni e competenze lavorano da anni per promuovere l’internazionalizzazione delle imprese dello spettacolo dal vivo. A coadiuvarli, la ricercatrice Eleonora De Caroli, che si occupa di organizzazione e Action Research, monitorando l’andamento stesso di Liv.in.g.

Il team principale si apre a collaborazioni esterne su progetti grazie a un cloud di consulenti specializzati, che permettono di abbinare sempre il miglior mentore a ciascun teatro, compagnia o artista che accede ai percorsi di accompagnamento.

Liv.in.g. was founded by the four project managers Cristina Carlini, Cristina Cazzola, Giuliana Ciancio and Carlotta Garlanda and the economist Giulio Stumpo: they are all professionals active in the performing arts field, with diverse roles and capacities connected with the internationalization process.
The team is supported by Eleonora De Caroli, researcher, who takes care of general management and also Action Research, monitoring the methodology used and improved by Liv.in.g.

A cloud of external collaborators enters specific project, in order to guarantee the best specialized team for every mentoring and learning by doing process.

CARLOTTA GARLANDA

CRISTINA CARLINI

CRISTINA CAZZOLA

ELEONORA DE CAROLI

GIULIANA CIANCIO

GIULIO STUMPO

Liv.In.G. vuole accompagnare le organizzazioni con una strategia mirata in modalità “learning by doing”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

diciassette + otto =

Torna su